Ultime notizie


 
L'affluenza alla seconda sessione del Seminario “Obblighi e responsabilità civile e penale nella comunicazione” organizzata per il Centro Italia da Confartigianato ICT conferma l'attenzione delle imprese del settore nei confronti delle norme che regolano il commercio elettronico e delle novità che verranno introdotte dal nuovo codice europeo sulla privacy che entrerà in vigore nel maggio 2018. Novità che riguarderanno direttamente le tante imprese che operano nel settore ICT (Information and Comunication Technology) ma, indirettamente, tutte le aziende che utilizzano la rete per la comunicazione, sia attraverso un sito Internet, una pagina su un social network o altro.
 
Il Seminario, coordinato dalla Presidente nazionale di Confartigianato ICT Anna Maria Piccione, ed introdotto dal Presidente di Confartigianato Toscana nonchè Delegato nazionale per le Categorie Giovan Battista Donati, ha toccato - attraverso gli interventi delgli avvocati Paolo Missineo e Marco Martorana - una serie di aspetti e di casistiche che le imprese si troveranno a dover quotidianamente affrontare.
 
Soddisfatta la Presidente di Confartigianato ICT Toscana Valeria Neri, che ha commentato: "E’ stata un’occasione molto importante per iniziare a informare le aziende delle novità che arriveranno. Teniamo presente che il nuovo codice è ancora in fase di costruzione: noi abbiamo voluto partire in anticipo per sensibilizzare le imprese ma al tempo stesso anche raccogliere informazioni sulle loro modalità attuali sul trattamento dati, in modo da costruire casistiche sulle quali poi sviluppare una politica associativa a sostegno delle imprese. La nuova normativa introdurrà sanzioni severe sia dal punto di vista economico che di quello penale: non cadiamo nella trappola di pensare che i controlli non ci toccheranno mai, perché talvolta capita, magari anche per la segnalazione di un concorrente”.

  


 
Partecipazione ben oltre le aspettative ed una platea attenta ed interattiva hanno confermato l’elevato interesse del comparto per le tematiche oggetto del Seminario organizzato da Confartigianato ICT presso lo Spazio Copernico di Milano lo scorso 23 maggio.

Il Presidente di Confartigianato Lombardia Eugenio Massetti , nel suo intervento di saluto, ha voluto congratularsi con la Presidente di Categoria Anna Maria Piccione per il successo di partecipazione all’iniziativa, ribadendo l’importanza della comunicazione a tutti i livelli nel sistema Confartigianato e la strategicità dell’utilizzo delle nuove tecnologie e dello strumento informatico ai fini della migliore diffusione delle eccellenze dell’artigianato italiano.

Entusiasta per la sala gremita la Presidente Piccione che, nell’esprimere il proprio ringraziamento al Consiglio Direttivo nazionale ed a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del Seminario, ha sottolineato come la massiccia partecipazione ad un  evento inizialmente considerato “di nicchia” testimoni la consapevolezza di tutto il comparto della comunicazione dell’importanza della materia, che riguarda non solo le imprese della comunicazione ma anche tutte quelle che utilizzano lo strumento informatico per promuovere la propria produzione e, dunque, l’intero tessuto produttivo del Paese.

I Relatori, Avv. Paolo Missineo e Dott.ssa Alessia Aragrande hanno approfondito le tematiche connesse alla Direttiva europea sul commercio elettronico ed al nuovo Regolamento sulla Privacy, sottolineando come – a seguito di una iniziale diffidenza nei confronti di internet – l’utilizzo esponenziale e potenzialmente insidioso della rete abbia indotto il legislatore a codificare puntualmente la materia.
Ed in tale ambito la Presidente ha auspicato che l’evento possa essere replicato sul territorio al fine di offrire a tutte le imprese associate la necessaria formazione ed ha informato circa l’intenzione di Confartigianato ICT di curare direttamente la redazione di un Codice di Condotta – da sottoporre all’Autorità Garante per l’opportuna approvazione - ed esortato  Colleghi e Funzionari di settore a cogliere l’opportunità di offrire agli associati tale importante vantaggio competitivo e ad  affiancare il livello nazionale nella realizzazione di questo importante strumento a tutela e garanzia delle imprese.
 
Le interviste del seminario sul canale #Youtube di #Confartigianato: goo.gl/OPBOEf.

  


Come anticipato dalla Direzione del MUSE (Museo delle Scienze di Trento) in occasione del Convegno nazionale di Confartigianato Comunicazione "DALL'IDEA LA CREAZIONE, DAL RACCONTO L'EMOZIONE-I giovani comunicano l'artigianato" (25 novembre scorso), tutti gli oggetti realizzati ed i relativi progetti di comunicazione sono ospitati presso il MUSE nell'ambito di una mostra visitabile fino al prossimo 7 giugno (la data di chiusura, prevista per l'11 giugno è stata anticipata per necessità organizzative del MUSE).
 
Ricordiamo che i ragazzi delle Scuole di Comunicazione erano stati ingaggiati per lo sviluppo di progetti mirati alla presentazione creativa, ma commercialmente spendibile, degli oggetti realizzati dai ragazzi delle Scuole Professionali con il coordinamento dei Maestri Artigiani delle Categorie di riferimento, illustrati nell’ambito del "creative challenge", palcoscenico a loro dedicato, veri protagonisti dell’evento convegnistico.
 
Confartigianato Comunicazione ha già posto le basi per una prossima edizione di questo appuntamento nazionale dedicato ai giovani quali futura risorsa dell’artigianato.

  

Il Tg@Confartigianato ha dedicato un servizio al Convegno di Confartigianato Comunicazione "Dall'idea la creazione, dal racconto l'emozione", svolto a Trento lo scorso 25 novembre
 

 
VEDI IL SERVIZIO

  

Sempre meno carta, sempre più ‘on line’ nei consumi delle famiglie italiane.Nel 2015 i nostri connazionali hanno speso in telefoni, apparecchiature elettroniche e servizi di comunicazione 38,7 miliardi, vale a dire, in termini reali, il 270% in più rispetto ai 10,5 miliardi del 1995. Sempre lo scorso anno la spesa degli italiani in prodotti su carta (dai libri ai giornali, dalla stampa di vario tipo fino alla cancelleria) si è attestata a 8,4 miliardi, con un calo del 40,5% rispetto ai 14,2 miliardi del 1995.
 
La tendenza è rilevata da Confartigianato in un rapporto sulle imprese del settore della comunicazione, presentato il 25 novembre a Trento al Convegno organizzato da Confartigianato Comunicazione ‘Dall’idea la creazione, dal racconto l’emozione. I giovani comunicano l’artigianato’ dedicato alle tendenze del settore digitale e alla formazione dei giovani.
 
Nonostante la forte crescita di spesa in comunicazione on line registrata negli ultimi 20 anni, l’Italia rimane in ritardo rispetto all’Europa per l’utilizzo di Internet: nel 2015 il 28% della popolazione non ha mai navigato in Rete, una percentuale distante dal 16% della media europea e che ci colloca al quarto posto della classifica europea dei peggiori Internauti. Peggio di noi, tra i 28 Paesi Ue, fanno soltanto Bulgaria, Romania e Grecia. I più refrattari all’uso di Internet sono gli italiani dai 35 anni in su: il 47,3% di questa fascia di popolazione non ha mai utilizzato la Rete negli ultimi 12 mesi.
 
Tra i più giovani è diffusa la consultazione di libri on line ed e-book: li legge il 18,6% degli italiani tra 18 e 24 anni, a fronte dell’8,2% del totale della popolazione.
 
Secondo il rapporto di Confartigianato, l’Italia è in bassa classifica europea anche per gli usi commerciali della Rete. Soltanto il 7% del totale delle imprese riceve ordini on line e questo ci colloca al quart’ultimo posto nell’Ue a 28 dove la media è pari al 17%. Peggio di noi fanno Grecia, Bulgaria, Lussemburgo.
 
La ‘rivoluzione’ digitale ha spinto la creazione d’impresa: quello della comunicazione (dall’editoria all’Ict, dai fotografi alle agenzie pubblicitarie) è un settore in cui spicca la presenza di piccole imprese espressione di abilità, personalizzazione, creatività, flessibilità di risposta alla domanda sempre più complessa e sofisticata che proviene dai consumatori e dalle altre imprese.
 
Gli artigiani della comunicazione sono 42.198 con 80.911 addetti. A crescere nell’ultimo anno – rileva il rapporto di Confartigianato – sono state le imprese che si occupano di attività editoriali (+3,5%), quelle che producono software e offrono consulenza informatica (+0,5%) e fotografi e grafici (+0,4%).
 
La Lombardia è la regione con il maggior numero di piccoli imprenditori della comunicazione, 7.388, seguita dall’Emilia Romagna (4.084), Veneto (3.809 unità), Piemonte (3.641) e Sicilia (3.041). A livello provinciale, primo posto per Milano con 2.556 imprese artigiane della comunicazione, seguita da Torino (2.016) e Roma (1.805).
 
E sul fronte dell’occupazione, ci sono prospettive confortanti: le imprese prevedono infatti quest’anno 16.600 assunzioni nelle professioni culturali e creative dei settori comunicazione e stampa con una netta preferenza per i giovani che hanno appena terminato gli studi (9.820 assunzioni, pari al 59% del totale).
 
 
Sono disponibili per gli utenti abilitati all'area riservata Confartigianato:
 
L'Elaborazione Flash Le imprese artigiane della Comunicazione per settore e territorio al secondo trimestre 2016” 
 
Le slides "Comunicazione: tendenze dei mondi digitali, imprese del settore e la risorsa dei giovani" 
 

  


 
Il Consiglio Direttivo di Confartigianato Comunicazione ha nominato lo scorso 28 novembre il Presidente di Confartigianato Fotografi Maurizio Besana alla guida della Federazione per il prossimo quadriennio.
Besana, nel ringraziare i Colleghi Anna Maria Piccione (Presidente Confartigianato ICT) e Maurizio Baldi (Presidente Confartigianato Grafici) per la fiducia, ha espresso l’auspicio di una stretta collaborazione tra le Categorie della comunicazione al fine di ottimizzare la rappresentanza delle imprese del comparto.

  


 
I Direttivi congiunti di Confartigianato Comunicazione riuniti ieri a Firenze hanno avviato i lavori per l'organizzazione del Convegno nazionale che si svolgerà in novembre a Trento presso la prestigiosa sede del MUSE (Museo delle Scienze).

Tema dell'evento sarà il valore aggiunto che il racconto conferisce al pregio di una creazione artigianale, a conferma di quanta parte la comunicazione abbia nel successo di un prodotto.

  


 
Alto profilo e grande successo per il Convegno "Da Depero al Digital Merketing", svoltosi il 2 ottobre scorso presso la sede del Mart di Rovereto. Gli interventi dei relatori, così come "Creative Challenge", la sfida del futuro progettata dai giovani di quattro scuole del settore hanno saputo appassionare e coinvolgere l'attenta platea, dal Presidente confederale Giorgio Merletti, ai Presidenti nazionali di Confartigianato Comunicazione, ad Autorità e Dirigenti di Confartigianato Trento. La ‘rivoluzione’ digitale ha spinto la creazione d’impresa: quello della comunicazione (dall’editoria all’Ict, dai fotografi alle agenzie pubblicitarie) è un settore in cui spicca la presenza di piccole imprese espressione di abilità, personalizzazione, creatività, flessibilità di risposta alla domanda sempre più complessa e sofisticata che proviene dai consumatori e dalle altre imprese. E' la conferma, emersa dall'elaborazione dell'Ufficio Studi Confartigianato, della versatilità e trasversalità che caratterizza il settore della comunicazione in un contesto, nel quale il “comunicare” è importante quanto il “saper fare” ed attribuisce alle aziende della comunicazione un ruolo centrale nel sostegno della competitività delle impresee rispetto ai fabbisogni di servizi di altri soggetti economici. Dai molti spunti di riflessione suggeriti dagli interventi, sono scaturite diverse indicazioni per la migliore gestione di questa ormai avanzata migrazione dalla carta stampata ai social network, verso forme di comunicazione sempre più immateriali, più dirette, immediate, pervasive, che spingono verso il rinnovamento e verso l'innovazione del modo di essere artigiano.
 
IL COMUNICATO STAMPA
 
L'ARTICOLO Giovani e formazione: il futuro degli artigiani (e non solo…)
  
Nella sezione riservata al Sistema Confartigianato è disponibile lo studio ALCUNI TREND DELLA COMUNICAZIONE. LE IMPRESE ARTIGIANE E I MODELLI ORGANIZZATIVI DEL SETTORE
 
ALCUNE FOTO DELL’EVENTO
 
Il Presidente confederale Giorgio Merletti
Il Presidente dell’Associazione Artigiani Trento Roberto De Laurentis
Il Presidente di Confartigianato Comunicazione Rinaldo Pellizzari
Il Presidente di Confartigianato Comunicazione Trento Armando Maistri
Michele Mezza
Luca Pianigiani
Enrico Quintavalle
I ragazzi del “Creative Challenge”
La platea
 
DAL PORTALE CONFARTIGIANATO
 

  


 
L'evoluzione degli strumenti di comunicazione ed il ruolo delle imprese del settore alla base del Convegno nazionale “DA DEPERO AL DIGITAL MARKETING - L’evoluzione degli artigiani della comunicazione”, organizzato da Confartigianato Comunicazione in collaborazione con l’Associazione Artigiani Trento, che si svolgerà Venerdì 2 ottobre 2015 presso la Sala Conferenze del MART (Museo d’Arte Moderna e Contemporanea) di Rovereto.
La sempre maggiore contaminazione tra le Categorie del settore, dovuta all’avvento del digitale ed alla conseguente evoluzione degli strumenti di comunicazione, impone un'analisi attenta circa il ruolo rivestito dalle imprese artigiane del comparto. Dal pensiero di Fortunato Depero, pittore, scrittore, scultore e designer italiano, personaggio simbolo dell’arte e dell’artigianato al servizio della pura comunicazione trarrano spunto le riflessioni della giornata a partire dagli interventi dei relatori, mirati a delineare scenari innovativi ed a tracciare le linee guida per il migliore (ri)posizionamento delle imprese sul mercato del futuro.
Futuro che sarà rappresentato, nell'ambito della giornata, anche dall’impegno dei professionisti di domani, gli allievi di quattro scuole che si confronteranno nella sfida “Creative challenge” con il compito di trasmettere – attraverso i progetti di comunicazione che elaboreranno - idee, soluzioni, visioni, ma anche l’entusiasmo e la passione nei confronti del “nuovo” già presente e di quello che arriverà.
 
IL PROGRAMMA